L’EUROPA QUESTA SCONOSCIUTA

Posted on febbraio 24, 2009. Filed under: Attualità e politica | Tag:, , , , , |

L’Italia è uno dei paesi fondatori delle comunità europee. Da più di 50 anni abbiamo deciso di limitare la nostra sovranità in favore di maggiore stabilità economica e cooperazione con altri paesi europei.

Ritengo che questa adesione rappresenti un passaggio epocale per l’Italia e per il mondo e la scarsità di informazioni e di interesse che circonda l’unione europea oggi è sconcertante.

Nei giornali italiani non si parla di Europa se non quando un provvedimento comunitario è usato strumentalmente da una parte o dall’altra dell’arena politica per parlar male dell’altra parte. Da questo punto di vista mi vergogno di essere italiano. Trovo disgustosa la provincialità con la quale i nostri politici ed i nostri mass media ignorano i temi di interesse europeo o ci battibeccano sopra.

Questo atteggiamento di incomprensione dell’Europa è dimostrato anche dal fatto che i parlamentari italiani nel parlamento di Strasburgo nelle ultime due legislature sono stati sempre i più assenti. E non credo si possa dire che 35.000 euro al mese siano pochi! Tra l’altro, il seggio a Strasburgo è considerato talmente poco importante ed allettante che ben 36 europarlamentari italiani (su 78 posti a disposizione) nell’ultima legislatura lo hanno abbandonato per altri posti in Italia.

I dati oggettivi ci dovrebbero fare comportare in maniera diversa: l’Unione europea possiede l’economia più grande al mondo, con un prodotto interno lordo stimato in 10.335 miliardi di euro (nel 2006); essa si occupa di questioni vitali come la politica agricola, la politica monetaria, ricerca e sviluppo, le reti infrastrutturali, la difesa dei consumatori. Su altri temi da anni si sta cercando una maggiore convergenza tra i vari stati membri e dal trattato di Maastricht in poi l’Unione europea attua una cooperazione strutturata anche relativamente alla Politica estera e di sicurezza e alla Cooperazione in ambito giudiziario.

Come ricordate, nel 2004 è stato firmato il trattato che istituisce una Costituzione per l’Europa, ma che quella costituzione non è mai entrata in vigore perché non tutti i paesi l’hanno ratificata.

Lo sviluppo dell’Unione europea per aggiunte successive, sia dal punto di vista delle materie di competenza che per l’aggregazione di nuovi paesi, ha portato ad una struttura molto complessa. Per alcune materie le decisioni vengono prese in un modo, per altre in un altro modo (la tendenza è sempre quella che gli stati membri cercano di mantenere per sé le materie più delicate); alcune norme sono fatte proprie da tutti gli stati e per altre alcuni paesi sono riusciti ad avere l’opt-out, ovvero la possibilità di non sottostare a quel vincolo. Per capirsi: la libera circolazione delle persone è garantita più dall’accordo Schengen che dal trattato sull’Unione europea e l’euro è ad oggi adottato da 16 paesi sui 27 che la compongono.

Bene, per vederci un po’ più chiaro e evidenziare l’influenza che l’Unione europea ha sulla nostra vita di tutti i giorni, mi ripropongo di scrivere 10 articoli su Ricostituente, ciascuno su di un tema specifico di sicuro interesse!

Marco

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Una Risposta to “L’EUROPA QUESTA SCONOSCIUTA”

RSS Feed for RICOSTITUENTE Comments RSS Feed

[…] on Marzo 28, 2009. Filed under: Uncategorized | Con l’articolo “L’Europa questa sconosciuta” mi ero riproposto di iniziare una serie di interventi che evidenziassero l’importanza […]


Where's The Comment Form?

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: