Un nuovo ordine

Posted on aprile 29, 2009. Filed under: Cultura | Tag:, , |

Sento parlare spesso di come sia triste vedere l’affermarsi il mito delle veline/vallette/belle giovani donne famose in virtù solo di questo, di come sia riduttivo per le donne, di come sia sintomo di un modo nuovo e sempre più radicato di vedere le donne nella società ( non solo da parte degli uomini, ma delle donne stesse). D’altra parte l’assunzione di atteggiamenti maschili per cercare di avere più possibilità nel mondo del lavoro e la connotazione positiva che suscita in alcuni (il classico “è una donna con le palle”) così come il sostenere che uomini e donne siano o meno uguali, sono atteggiamenti che continuo a vedere al centro di infinite discussioni. Il dibattito legato al ruolo della donna nella società sarebbe troppo ampio per racchiuderlo in un semplice post, ma come ci suggerisce Luisa Muraro mi impegnerò lo stesso per mischiare sacro e profano e provocare le vostre reazioni, perchè è necessario impegnarsi «per ottenere il meglio al massimo delle proprie forze, sapendo che il risultato non dipenderà dai nostri sforzi ma ci verrà incontro, sorprendente come un regalo splendido e inatteso». Regalo splendido e inatteso è stata anche la bella intervista a Laura Boldrini, portavoce dell’alto commissariato dell’ONU per i rifugiati, ieri sera a Parla con me. Anche se il tema non era certo dei più allegri, non ho potuto non riscuotermi dal torpore con cui generalmente si guarda la tv a quell’ora quando, dopo averne introdotto i successi professionali e gli incarichi più eclatanti, Simona Dandini a chiesto alla Boldrini se c’era altro che voleva si sapesse di lei. Laura Boldrini, una bella signora piuttosto giovane, posata ed elegante ha riposto semplicemente: “Ho anche una figlia, degli amici…” interrotta dall’applauso forse un po’ sorpreso, ma colpito del pubblico e della conduttrice. Una donna di successo che ha parlato di come la sua maternità le abbia permesso di diventare una persona migliore, più sensibile, più adatta e capace nel suo lavoro, pur con le difficoltà che organizzare carriera e figli richiedono. Non vi racconterò il resto dell’intervista, peraltro molto interessante, che potete guardare nel sito che vi ho segnalato sopra. La vera notizia secondo me in queste poche righe non è solo che una donna di successo è anche orgogliosa di essere madre e di avere una vita fuori dal lavoro; la vera notizia è la semplicità e la tranquillità con cui l’ha detto, con cui lei stessa sembra vivere la sua complessità di donna. Senza dire che è facile, ma semplicemente facendolo. Un nuovo modo di vedere noi stesse è possibile e la possibilità di realizzarlo è anche a portata di mano, il vero nuovo ordine non sono le veline, sono le persone che rifuggono le restrittive categorie e costruiscono le proprie, uomini, donne, individui! Sarò anche un’ottimista, ma le vedo intorno a me le persone che hanno deciso di vivere meglio, di cambiare gli aspetti negativi dei mondi che frequentano e che lo fanno per ora silenziosamente, perchè ammettiamolo, ci si sente degli inguaribili idealisti a imamginare con se stessi di cambiare le cose… Forse è ora di fare un passo avanti e di confrontarci su come cambiare il mondo, perchè come dice Luisa Muraro in un’intervista che ho letto su Donnealtri, “Per ottenere di più di ciò che abbiamo, occorre chiedere di più.”

E io mi dico, perchè no?

Caterina

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: