GINO SI REINVENTA

Posted on giugno 21, 2009. Filed under: Attualità e politica | Tag:, , , |

In questo terzo articolo sull’Unione Europea vi raccontiamo la storia di Gino, un personaggio che ci aiuterà a rendere più concrete le situazioni che analizzeremo.

Formazione europea

Formazione europea

Gino era il titolare di una piccolissima impresa che lavorava per esportazione del Nord Est produttrice di componentistica per cancelli elettrici. Gino ha 45 anni e dopo aver lavorato fin da giovane presso imprese della zona, aveva avviato un’impresetta tutta sua nella quale erano impiegati la moglie e un paio di dipendenti. Alla fine dell’anno 2008 Gino ha dovuto cessare l’attività a causa della crisi economica.

Per trovare un altro lavoro si è poi rivolto ai Centri per l’impiego presso il quale l’operatrice, con faccia mesta, gli ha detto che avrebbe dovuto “re-inventarsi”. Le difficoltà delle imprese, dei mercati e dell’occupazione sono infatti reali e nessuno ha la bacchetta magica per risolvere la situazione con un “plin”; ciascuno deve fare la propria parte.
Le ripercussioni sociali della crisi in atto sono note, come noti sono i dati in aumento sulla disoccupazione: il tasso di disoccupazione passa infatti dal 6,6 % del quarto trimestre 2007 al 7,1% del quarto trimestre 2008 (Fonte Istat). Gino rientra nel 7,1%.

Quali azioni mette in campo l’Unione Europea per rispondere a questa crisi generalizzata? La Commissione Europea vuole puntare a combattere la disoccupazione e promuovere la creazione di posti di lavoro. Nel caso specifico del nostro Gino, la Comunità Europea stanzia un finanziamento attraverso le Regioni che gli permette di accedere gratuitamente al corso “Operatore Commerciale con l’estero”. Gino, che nel suo lavoro teneva i contatti con clienti esteri, decide di aumentare le proprie conoscenze e competenze frequentando il corso di complessivi 3 mesi in aula e di 1 mese e mezzo circa di stage presso un’azienda dove spera di poter essere assunto. Gino potrà ricevere una borsa di studio di circa tre euro lordi orari.

Abbiamo voluto presentare il caso di Gino per evidenziare come le politiche dell’Unione europea influenzino la nostra vita di tutti i giorni. Sempre nell’ambito della formazione potremmo però portare altri casi: ad esempio l’Unione Europea che vuole stimolare la capacità dei giovani di essere cittadini attivi nelle comunità in cui vivono e per questo propone attività formative specifiche. In questo caso la “formazione” proposta non è necessariamente quella tradizionale che propongono le scuole e le università, ma può essere svolta in anche forma nuova: attraverso il gioco e la discussione in gruppo. Per disabili,  ex-tossicodipendenti o lavoratori “anziani” sono proposti altri percorsi formativi specifici.

Lisa e Marco

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: