IL PROCESSO ALDROVANDI

Posted on luglio 7, 2009. Filed under: Attualità e politica | Tag:, , , , , |

Ci sono persone che si comportano in maniera scorretta, vigliacca e immorale. Ce ne sono un po’ dappertutto: nel lavoro, nel vicinato, negli affari. Sentire che una persona per un piccolo tornaconto personale non esita a offendere, umiliare o addirittura annientare un’altra persona mi fa andare il sangue alla testa. Tanto più sento questa sensazione quando le persone che offendono sono coloro che dovrebbero aiutare o arbitrare.

La prima volta che ho visto questo video, postato da Beppe Grillo, ho sentito la rabbia e la vergogna che mi prendevano allo stomaco e alla gola.

La polizia che colpisce, la polizia che deride, la polizia che mente, uccide o lascia morire.

Questo è successo. Ancora una volta.

Qualche giorno fa il tribunale di Ferrara ha condannato a tre anni e sei mesi i quattro poliziotti accusati di eccesso colposo nell’omicidio colposo di Federico Aldrovandi, il ragazzo di 18 anni morto il 25 settembre 2005 durante un intervento di polizia.

La mamma Patrizia Moretti e il papà Lino sono stati in prima linea per chiedere la verità, prima con il blog su Kataweb aperto nel gennaio 2006 e diventato uno dei più cliccati in Italia, poi lungo l’inchiesta e il processo, scanditi dalle perizie, dalla raccolta delle testimonianze, dalla ricostruzione faticosa delle cause della morte di Federico. Come sostegno: Beppe Grillo e la rete.

Marco

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: