LO STRANO CASO DEL DOTTOR TORNATORE

Posted on gennaio 17, 2010. Filed under: Ambiente | Tag:, , , , |

Venerdì 15 gennaio sono andato a Trieste a festeggiare la liberazione di Luca Tornatore. Luca era stato arrestato il 14 dicembre scorso a Copenhagen a seguito di un “rastrellamento” della polizia locale in contrasto a manifestazioni di dissenso verso il vertice COP 15 sul clima.

Parlo di rastrellamenti, che a me ricordano il nazismo, perché mi sembra la parola più adatta: setacciamento del territorio da parte di persone autorizzarte, equipaggiate e fortemente “motivate” alla ricerca di qualcuno. Il problema è che il qualcuno non è necessariamente chi ha commesso azioni contrarie alla legge, bensì anche chi propone idee contrarie a quelle “giuste”, cioè quelle di chi comanda. In questa rete è caduto Luca.

Luca Tornatore

Luca Tornatore

Il 14 gennaio un tribunale danese ha confermato che Luca è innocente rispetto alle imputazioni che gli erano state mosse e che quindi le testimonianze dei due poliziotti che sostenevano di averlo visto lanciare molotov, o comunque oggetti, all’indirizzo della polizia non sono credibili.
Ciò che non dice il tribunale, ma che dico io, è che le testimonianze non sono inesatte o frutto di errore, bensì false e rivolte a causare un danno a Luca Tornatore in quanto personaggio di spicco del movimento di difesa del clima, della terra e delle persone contro gli interessi dei Governi e delle grandi lobby economiche. Badate bene che sono perfettamente cosciente che gli interessi delle persone possono essere tutelati dai governi e possono coincidere con quelli delle imprese, ma non è queso il caso del clima.

L’avvocata di Luca (qualcuno la definisce la Ghedini danese per la sua bravura e fama) lo aveva preparato ad una condanna perché contro le testimonianze della polizia mai nessuno, a suo ricordo, era riuscito a spuntarla. Anche questo, a mio avviso, concorre a determinare la sensazione di un processo “politico” (Mio Dio sto parlando come Berlusconi!). Inoltre Luca sta cercando di recuperare un video nel quale si vede che quando sono avvenuti gli scontri che gli sono imputati, lui era già stato tratto in arresto dalla polizia.

Comunque Luca sta bene. In carcere non se l’è passata poi tanto male: in isolamento nessuno gli rompeva le scatole, riceveva moltissima posta e questo assieme al suo atteggiamento non violento lo ha fatto salire nella considerazione dei secondini che hanno smesso di abbaiargli ordini e lo trattavano non dico con gentilezza, ma senza violenza. Aveva il cibo vegetariamo che è l’unico che mangia. Avendo attaccato tutte le lettere e le cartoline alle pareti aveva trasformato la propria cella in una stanza di persone, ricordi e idee. Qualcosa di cui, dice Luca, i secondini ed il sistema “non aveva la chiave”.

La sua passione per la giustizia gli fa leggere questa esperienza come una prova da mostrare a tutti che lo Stato può sbagliare e che verificarlo, controllarlo e dubitarne sono azioni doverose che possono aiutare altre persone che finiscono ingiustamente nella rete.

Luca adesso ci chiede di continuare ad aiutare gli altri ragazzi che sono ancora in carcere a Copenhagen.

Concludo con un pensiero alle famiglie delle vittime di carcerati morti misteriosamente durante la loro detenzione che ieri hanno manifestato a Livorno per chiedere giustizia.

Marco

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

2 Risposte to “LO STRANO CASO DEL DOTTOR TORNATORE”

RSS Feed for RICOSTITUENTE Comments RSS Feed

GRAZIE
SABRINA

[…] e volevo scriverci un post, ma lo hanno fatto in molti così come egregiamente l’ha fatto l’amico Marco. Resta l’assurdità dell’esperienza e l’amarezza frustrata davanti all’arroganza esibita […]


Where's The Comment Form?

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: