GINO SI REINVENTA

Posted on giugno 21, 2009. Filed under: Attualità e politica | Tag:, , , |

In questo terzo articolo sull’Unione Europea vi raccontiamo la storia di Gino, un personaggio che ci aiuterà a rendere più concrete le situazioni che analizzeremo.

Formazione europea

Formazione europea

Gino era il titolare di una piccolissima impresa che lavorava per esportazione del Nord Est produttrice di componentistica per cancelli elettrici. Gino ha 45 anni e dopo aver lavorato fin da giovane presso imprese della zona, aveva avviato un’impresetta tutta sua nella quale erano impiegati la moglie e un paio di dipendenti. Alla fine dell’anno 2008 Gino ha dovuto cessare l’attività a causa della crisi economica.

Per trovare un altro lavoro si è poi rivolto ai Centri per l’impiego presso il quale l’operatrice, con faccia mesta, gli ha detto che avrebbe dovuto “re-inventarsi”. Le difficoltà delle imprese, dei mercati e dell’occupazione sono infatti reali e nessuno ha la bacchetta magica per risolvere la situazione con un “plin”; ciascuno deve fare la propria parte.
Le ripercussioni sociali della crisi in atto sono note, come noti sono i dati in aumento sulla disoccupazione: il tasso di disoccupazione passa infatti dal 6,6 % del quarto trimestre 2007 al 7,1% del quarto trimestre 2008 (Fonte Istat). Gino rientra nel 7,1%.

Quali azioni mette in campo l’Unione Europea per rispondere a questa crisi generalizzata? La Commissione Europea vuole puntare a combattere la disoccupazione e promuovere la creazione di posti di lavoro. Nel caso specifico del nostro Gino, la Comunità Europea stanzia un finanziamento attraverso le Regioni che gli permette di accedere gratuitamente al corso “Operatore Commerciale con l’estero”. Gino, che nel suo lavoro teneva i contatti con clienti esteri, decide di aumentare le proprie conoscenze e competenze frequentando il corso di complessivi 3 mesi in aula e di 1 mese e mezzo circa di stage presso un’azienda dove spera di poter essere assunto. Gino potrà ricevere una borsa di studio di circa tre euro lordi orari.

Abbiamo voluto presentare il caso di Gino per evidenziare come le politiche dell’Unione europea influenzino la nostra vita di tutti i giorni. Sempre nell’ambito della formazione potremmo però portare altri casi: ad esempio l’Unione Europea che vuole stimolare la capacità dei giovani di essere cittadini attivi nelle comunità in cui vivono e per questo propone attività formative specifiche. In questo caso la “formazione” proposta non è necessariamente quella tradizionale che propongono le scuole e le università, ma può essere svolta in anche forma nuova: attraverso il gioco e la discussione in gruppo. Per disabili,  ex-tossicodipendenti o lavoratori “anziani” sono proposti altri percorsi formativi specifici.

Lisa e Marco

Annunci
Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

FLESSIBILITÀ AL FEMMINILE

Posted on giugno 17, 2009. Filed under: lavoro | Tag:, , , , , |

Categorizzare il concetto di flessibilità è impossibile e, soprattutto, poco saggio. È indubbia, in ogni caso, la facilità con la quale tale condizione può assumere una connotazione negativa.

Due sono i modi principali di intendere (e di volere) la flessibilità: da un lato come uno smantellamento del sistema di welfare e come creazione di un esercito di lavoratori precari, dall’altro – in accordo con quelli che erano gli obiettivi della legge Biagi – come un modo per favorire l’emersione del lavoro nero, per regolare le collaborazioni e per creare una categoria di lavoratori (che potremmo chiamare professionals) che sfruttando i rapporti flessibili si costruiscono, attraverso esperienze e formazione, una forte spendibilità all’interno del mondo del lavoro.

Flessibilità donne

Flessibilità donne

Il problema, a questo punto, consiste nella possibilità di comprendere quando la flessibilità cede il posto alla precarietà e quando possiamo parlare di flessibilità virtuosa. In un mutato contesto economico, dove perfino i confini delle organizzazioni diventano poco identificabili, quando un lavoratore è flessibile (si muove da professional in più aziende) e quando è precario (viene sbalzato da un posto di lavoro all’altro)?

A questi e a tutti gli altri argomenti che si possono portare sul tema (pensiamo ad esempio alla proliferazione di contratti co.co.pro. che di progetto non hanno nulla, e a tutte quelle forme di flessibilità “malata” introdotte e in qualche modo regolarizzate dalla Legge Biagi), si aggiunge un ulteriore fattore di complessità quando si osserva il mondo del lavoro al femminile. La domanda, a questo punto, diventa: cosa rappresenta la flessibilità per le donne lavoratrici? In che modo influisce, in positivo e in negativo sulla creazione dell’identità professionale e personale?

L’ambivalenza in questo caso si traduce nel fatto che per una donna la flessibilità può essere un vantaggio nel momento in cui si traduce in opportunità di gestire e conciliare al meglio esigenze personali e lavorative, anche con lo scopo di impedire l’obsolescenza delle competenze durante il periodo dedicato alla cura della famiglia con il rischio di trovare forti barriere al rientro nel mercato del lavoro (ad esempio dopo la maternità). Ma è sicuramente uno svantaggio quando si traduce in modalità di lavoro non scelte volontariamente o che non permettono mobilità occupazionale sia verticale (con promozioni) che orizzontale (verso altri tipi di lavoro, anche con prospettive di trasformarsi in occupazione a tempo pieno).

Un esempio emblematico è il lavoro part time al rientro dalla maternità. Per quante donne si tratta di una scelta e per quante di un percorso obbligato? Quanto il conferimento del part time da parte dell’azienda risponde alla precisa volontà di favorire la conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro e quanto, invece, risponde all’obbiettivo implicito di ridimensionare il ruolo e la responsabilità di lavoratrici considerate ormai disinformate e condizionate da impegni familiari per poter investire nel lavoro al cento per cento le proprie potenzialità?

Precarietà

Precarietà

Difficile rispondere alla prima domanda. Tuttavia diversi studi ci raccontano che la maggior parte delle donne non usufruisce del periodo di astensione facoltativa per maternità. Le cause di tanta riluttanza sono molteplici e si riferiscono, in prima battuta, a motivazioni economiche (la nascita di un figlio crea senza dubbio un aumento dei bisogni familiari e delle spese). Tuttavia, le motivazioni riguardano anche la preoccupazione per il fatto che il rimanere per troppo tempo assenti dal luogo di lavoro possa comportare rallentamenti nello sviluppo della carriera o un reinserimento faticoso dovuto sia ai possibili cambi di mansione sia ad una diversa considerazione della propria disponibilità a investire energie nella sfera professionale.

Questa considerazione apre la strada ad una questione ancora poco considerata: nel mondo del lavoro per le donne persistono delle dinamiche segreganti che impediscono la concreta possibilità di avere pari opportunità di sviluppo professionale. La flessibilità necessariamente gioca un ruolo negativo in un contesto nel quale il sistema delle carriere non premia le competenze, ma piuttosto l’adeguamento a un modello di coinvolgimento totale nel lavoro a danno della vita personale, che coincide con un modello tipicamente maschile.

È evidente quanto questo possa influire sulla vita professionale delle donne: alla necessità di rapporti flessibili si accompagnano ruoli e mansioni connotati da minori responsabilità e prestigio proprio perché il tempo dedicato al lavoro (sia esso parziale o gravato da interruzioni per maternità o altri motivi personali e familiari) non viene ritenuto sufficiente.

A questi problemi tentano di rispondere le politiche sociali e le cosiddette azioni positive, le quali si propongono di appiattire il divario tra la situazione occupazionale femminile e quella maschile (vedi la Legge 8 marzo 2000, n. 53). Ma l’attenzione al problema è ancora largamente insufficiente e, ancora più scarsa, è la diffusione di una rinnovata visione del reinserimento e dell’accompagnamento delle donne uscite dal mercato del lavoro.

Compito delle istituzioni, in particolar modo del sindacato è, a partire da una riflessione più attenta sui mutamenti del mercato del lavoro, sulla struttura sociale e sull’universo dell’occupazione femminile, rappresentare in maniera adeguata la crescente varietà e variabilità di situazioni personali e professionali delle donne.

Ilaria

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( 1 so far )

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...